Ubicazione: Seveso (mb)
Progetto: 1992-1994
Realizzazione: 1992-1994
Opera premiata: menzione speciale Premio “Luigi Cosenza” 1994
Foto: Vaclav Sedy

Dialogo aperto tra architettura e sito: vengono accolti i suggerimenti del luogo, come a misurarsi con le forme e i volumi preesistenti. Le caratteristiche architettoniche dei manufatti circostanti, la loro giacitura, l’organizzazione degli spazi aperti, i tracciati e gli allineamenti dettano le leggi e le regole utili a definire il nuovo insediamento nell’ambito della tipica “diaspora” della città diffusa lombarda.
Planimetricamente la casa è articolata su tre livelli di cui i due principali fuori terra, sono segnati dal percorso distributivo parallelo al muro perimetrale lungo la strada lasciato come schermo “muto” verso il rumore. Al piano terra le funzioni giorno, dialogano con il piccolo giardino protetto ricavato all’interno del lotto, al piano primo la zona notte, nell’interrato le funzioni di servizio.